Questo sito utilizza cookie di profilazione e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online.
Il sito consente anche l'invio di cookie di "terze parti", ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando.

viaggiare per trovarsi

Camera Africa

Camera Africa

Camera America

Camera America

Camera Asia

Camera Asia

Camera Europa

Camera Europa

marcopolo_camere

marcopolo_tariffe

marcopolo servizi

marcopolo dove siamo

marcopolo contatti e prenotazioni

marcopolo territorio

News ed Eventi

La Disfida di Barletta diventa una serie web: l'idea viene da Milano

La Disfida di Barletta diventa una serie web: l'idea viene da Milano

Prossimamente potremmo vedere una serie web tutta dedicata alla Disfida di Barletta. E' il progetto lanciato da Noraneko Produzioni, un piccolo collettivo di giovani creativi di base a Milano, che ha avviato una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding Ulele per la realizzazione della serie web dal titolo "13".

Puntando sull'equilibrio tra qualità tecnica e un budget low cost, la produzione tutta italiana di Noraneko promette di dare vita alla storia tanto nota della Disfida seguendo le vicissitudini di Ettore Fieramosca. La serie seguirà diverse linee narrative: gli intrighi politici orchestrati dai nobili capitani dei due eserciti invasori, che muoveranno le pedine e gli equilibri nel tentativo di conquistarsi il favore dei rispettivi sovrani; il viaggio del giovane mercenario Ettore, al servizio dell'esercito spagnolo, alla ricerca dei cavalieri che combatteranno la sfida; la storia del suo sfidante, La Motte, che farà invece di tutto per ostacolarlo. Attorno ai protagonisti si muoveranno alleati, nemici e traditori. La lingua parlata sarà principalmente l'italiano (in un'equilibrata commistione tra l'antico e il moderno). Personaggi francesi e spagnoli parleranno invece tra loro nella propria lingua (gli attori non madrelingua verranno affiancati da tutor).

Fino al 22 gennaio 2018 sulla piattaforma di crowdfunding www.ulule.it è attiva la raccolta fondi che servirà per la realizzazione della prima stagione della serie: tutto il denaro raccolto verrà utilizzato per noleggiare le attrezzature di ripresa/fotografia, i costumi e le scenografie, per il catering e i rimborsi spese di tutta la troupe. "Il gruppo creativo Noraneko Produzioni - si legge nella pagina di Ulele dedicata all'iniziativa - in quanto produttore ed ideatore del progetto, non intende guadagnare nulla dalla raccolta. Anzi, puntando ad una sempre maggiore qualità della messa in scena, intende incentivarla per far crescere la serie il più possibile. Il trailer è stato realizzato presso la Rocca di Urgnano, che ci è stata concessa a titolo gratuito. Per questo ringraziamo ancora il Comune di Urgnano ed in particolare l'assessore Davide Locatelli".

Partecipare al crowdfuing è molto semplice: basta andare sul sito ulule.it e cercare il progetto 13 web serie. Qui, oltre a vederne un'anteprima, è possibile investire qualsiasi cifra, anche un euro, per sostenere il progetto. Come per tutte le iniziative di crowdfunding, chi sceglie di investire una cifra superiore a 10 euro ha diritto a dei premi, che verranno aggiornati nel corso della campagna. Qualora non venga raggiunto il budget necessario di 10000 euro, utile alla realizzazione della prima stagione, il denaro verrà automaticamente restituito.

Per ricevere aggiornamenti, chiarimenti o semplicemente per conoscere il progetto è possibile contattare la produzione attraverso l'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

FONTE https://www.barlettaviva.it/notizie/la-disfida-di-barletta-diventa-una-serie-web-l-idea-viene-da-milano/

Vedi anche il portale di Barletta

UFO a Barletta: storia, avvistamenti e testimonianze

Il fenomeno degli UFO, a partire dagli anni ’40 dello scorso secolo, è andato sempre più diffondendosi, assumendo  caratteri sovraculturali. Ma ciò che lo rende estremamente interessante, oltre che per le possibili ricadute in termini di conoscenza di ipotetiche civiltà aliene, sono anche i complessi aspetti socio-antropologici e psicologici che connotano il testimone umano. Inoltre, al di là delle interpretazioni personali a favore o contro l’origine extraterrestre del fenomeno, esso merita indubbiamente di essere ascritto tra i più enigmatici ed affascinanti di sempre. Difficile trovare qualcuno che non abbia mai letto e/o commentato notizie su avvistamenti di ipotetiche astronavi; così come non è affatto raro rinvenire testimoni che asseriscono di aver avuto esperienza personale di eventi di probabile matrice ufologica…

Ma nella città della Disfida quale percezione si ha del fenomeno? Ebbene, potrà forse stupire, ma sembra proprio che ben pochi sappiano che il proprio luogo di residenza è, da questo punto di vista, uno dei posti più interessanti in Italia. E lo è a tal punto da essere classificato come una delle mete più gettonate nel nostro paese dalle (ipotetiche) intelligenze aliene…

 

Un quadro d’insieme del fenomeno

E’ del 21 febbraio 2016 quando un interessante mappa/dossier viene pubblicata dal Corriere della Sera. In essa si delinea il quadro dei “presunti avvistamenti ed incontri ravvicinati avvenuti in Italia” a partire dal 1900 fino a tutto il 2015. In totale sono enumerati ben 12.461 avvistamenti, di cui ben 814 relativi alla sola Puglia! Questo dato è già di per sé significativo di quanto la nostra regione risulti, nel suo insieme, tra le più interessate dal fenomeno. Essa, infatti, si colloca al quinto posto assoluto in Italia, preceduta da: ToscanaLombardiaEmilia Romagna e Lazio. Analizzando i dati pugliesi emerge come i picchi quantitativi e qualitativi siano ascrivibili sia agli anni ’70 dello scorso secolo che al primo decennio di quello attuale. Ma a rendere il tutto ancor più interessante è il dato che vede collocate tra le 20 città italiane con la maggiore concentrazione di avvistamenti UFO anche due centri pugliesi: Taranto (61) e Barletta(51). Tirando le somme, in questa particolare graduatoria nazionale, Barletta occupa il sedicesimo posto, a pari merito con Ferrara e Verona. I dati utilizzati dal Corriere della Sera sono stati integralmente ricavati dall’archivio del CUN, il Centro Ufologico Nazionale.

Tipi di avvistamenti

In ambito ufologico sono classificati ben sette differenti tipologie di avvistamenti, così distinti in base a specifiche caratteristiche fondamentali. Tale catalogazione fu proposta per la prima volta nel 1972 dall’astrofisico e studioso di ufologia J. Allen Hynek, cui, però, si deve la paternità dei soli primi tre tipi di avvistamenti. Ecco in sintesi come tali tipologie di incontri si differenziano: 1° tipo – avvistamento di un UFO; 2° tipo – Avvistamento di un UFO che lascia tracce del suo passaggio nell’ambiente e/o sugli esseri viventi; 3° tipo – avvistamento di un Ufo ed al contempo di un’entità animata; 4° tipo – un essere umano viene rapito dagli occupanti di un UFO; 5° tipo – incontri tra entità extraterrestri ed umani in cui avviene una unione biologica (rapporto sessuale); 6° tipo – conseguenze gravi in termini di lesioni fisiche o addirittura di morte di umani a seguito di incontri con extraterrestri; 7° tipo – ibridazione uomo-alieno.

Ciò che emerge dalle analisi dei dati del Corriere della Sera è che alle prime tre sole tipologie di avvistamento appartiene ben il 79,6% di tutti gli eventi noti, mentre gli altri quattro tipi, molto più rari, raccolgono in totale solo il 20,4 %.

Alcune testimonianze

Per chi ha vissuto nella Barletta degli anni ’70, non è probabilmente così difficile ricordare l’ondata di avvistamenti ufologici che a quel tempo caratterizzò soprattutto la seconda metà di quel decennio. Essa, per la verità, andò ad interessare anche varie altre città dei dintorni. Ma già in precedenza (1969) un clamoroso avvistamento aveva scosso la vita cittadina: un disco luminoso di origine ignota fece la sua comparsa proprio sulla perpendicolare dell’erigendo nuovo stadio comunale, facendo bella mostra di sé per un lasso di tempo affatto breve. Il fenomeno, infatti, durò abbastanza da dare ad alcuni cittadini la possibilità di raggiungere i luoghi più alti della città per poterlo meglio osservare con il binocolo.

Nei primissimi anni ’90, invece, venne avvistata una sfera emittente luce bianca nella porzione di cielo sovrastante l’attuale “Parco degli ulivi”, la quale compiva movimenti ad altissima velocità, disegnando nel cielo buio traiettorie impossibili per qualsiasi veicolo convenzionale. Naturalmente, il tutto in assenza di possibili cause prosaiche, come eventuali raggi luminosi prodotti da fari pubblicitari o di segnalazione. Peraltro, in quest’ultimo caso si sarebbe dovuto notare la presenza del fascio luminoso, cosa che non si è verificata…

Molto più di recente (2013) è giunta la segnalazione di un oggetto luminoso proveniente dall’Adriatico che avrebbe solcato il cielo di Barletta dirigendosi in direzione Andria. Almeno due i testimoni oculari che lo avrebbero visto sfrecciare “ad una velocità assurda” intorno alla mezzanotte. Uno dei due ha affermato che, calcolando il tempo di percorrenza impiegato dall’oggetto per ricoprire la distanza tra Barletta ed Andria, certamente viaggiava ad una velocità non inferiore ai 50.000 Km orari. Sempre in quello stesso anno si segnala anche un altro avvistamento, ancora più interessante, di cui è stato fatto anche un filmato. L’evento si sarebbe stato osservato da due testimoni oculari mentre soggiornavano nel villaggio turistico “La Fiumara” a Barletta. Chi volesse approfondire la storia e visionare il video, può CLICCARE QUI.

 

fonte:

http://www.barlettanews.it/ufo-a-barletta-testimonianze/

GLI STUNTMAN A BARLETTA. UNO SHOW DA NON PERDERE

Arrivano gli stuntman. Lo show più pazzo d’Italia a Barletta

Lo Stuntman Show dello Stunt Drivers Team Rossi arriva a Barletta con le mirabolanti imprese su due e quattro ruote dei suoi incredibili piloti. Evento motoristico straordinario quello che verrà presentato dal 21 al 25 Settembre in zona Litoranea di Ponente.

Una nuova edizione dove le emozioni saranno forti, merito delle performance che i piloti dello Stunt Drivers Team eseguono da anni con esperienza e passione.

L’adrenalina prosegue con i maggiolinidrugster sempre più veloci, camion in impennata, trattori e ancora tra le performance in scaletta drifting, auto su 2 ruote, parcheggi acrobatici, derapate, passaggi in velocità tra cui l’automobilismo acrobatico con a bordo anche il campione europeo Roby Rossi.

La mascotte dello spettacolo sarà il gigantesco Monster Truck di 1000 cavalli di potenza. Oltre 18 mezzi per uno spettacolo nuovo e dinamico in cui si andranno a riprodurre anche gli effetti speciali utilizzati nel mondo cinematografico.

Piloti e stuntman offriranno uno show di divertimento ed adrenalina al volante di ogni possibile mezzo. L’appuntamento è dunque dal 21 al 25 Settembre a Barletta in zona Litoranea di Ponente.

Gli spettacoli avranno inizio tutti i giorni alle ore 21:15.

Sabato e domenica doppio appuntamento alle 18:30 e alle 21:15. Ultimo giorno unico ore 18:30

Venerdì 3 novembre 2017 Teatro Curci Barletta Medea

TEATRO CONTEMPORANEO
3 novembre 2017
Teatro del Patologico
MEDEA 
di Dario Ambrosi
con Celeste Moratti, Sebastiano Somma, Paolo Vaselli, Michela D’Ambrosi
coro Antei Emanuele, Bischetti Fabio, De Persio Fabio, Ferrari Andrea, Fronticelli Baldelli Nicolò, Giliberti Gilberto, Giliberti Paolo, Sorcini Silvia, Starace Marina, Terracini Claudia, Tortosa Daniele
musiche originali Francesco Santalucia
coordinamento coro Papaceccio
costumi Raffaella Toni
adattamento e regia DARIO D’AMBROSI


“Tra prosa, musica e danza Barletta si conferma palcoscenico d’eccezione per spettacoli di successo”. Così il sindaco Pasquale Cascella in occasione della presentazione della stagione 2017/2018 del “Curci” svoltasi questa mattina nel foyer del teatro, il cui progetto artistico è coordinato anche quest’anno da Michele Placido per il Teatro Pubblico Pugliese.

Nel corso dell’incontro, insieme al sindaco sono intervenuti la dirigente comunale Santa Scommegna, il presidente del Teatro Pubblico Pugliese Carmelo Grassi, la dirigente alle Attività Teatrali del Teatro Pubblico Pugliese Giulia Delli Santi, il direttore artistico dell’associazione “Cultura e Musica G. Curci” Francesco Monopoli, il presidente dell’associazione “Amici della Musica Mauro Giuliani”, Francesco Caporale e per la sezione dedicata alla danza, Gianni De Candia.

“Anche quest’anno - ha affermato il sindaco - l’insieme di variegate espressioni artistiche ha dato vita a un cartellone di spessore che rinsalderà il rapporto con gli appassionati suscitando, al tempo stesso, nuovi interessi. Immancabili le rassegne di prosa, musica, danza e il teatro ragazzi, con il quale si punta al coinvolgimento delle nuove generazioni. A loro è particolarmente dedicato il filo conduttore che lega la scelta di alcune produzioni, basate su tematiche di attualità e a sfondo sociale, che attribuirà il meritato risalto anche alle eccellenze della città che hanno acquisito una dimensione artistica di spessore internazionale e che avremo dunque il piacere di ospitare su questo prestigioso palcoscenico. Lo sforzo compiuto riflette l’impegno per la promozione e la valorizzazione culturale, nel segno della qualità e della continuità che da sempre animano il percorso del ‘Curci’ anche in prospettiva di una destagionalizzazione dell’offerta che intendiamo incrementare anche a beneficio dell’area archeologica di Canne della Battaglia e degli eventi collegati all’anniversario della Disfida”. 

Dieci spettacoli di Prosa, 3 appuntamenti con la Danza, 3 spettacoli di Teatro con le famiglie, 4 spettacoli di Teatro Contemporaneo e 13 appuntamenti musicali.
A inaugurare la nuova stagione 28 e 29 ottobre Virginia Raffaele con lo spettacolo Performance, previsto l’anno scorso e poi slittato a causa dell’eccezionale ondata di maltempo, regia di Giampiero Solari, in scena alcuni dei suo personaggi più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, il Ministro Boschi, la criminologa Bruzzone e molte altre. Si prosegue dal 24 al 26 novembre in scena Richard II di William Shakespeare con Maddalena Crippa e la regia di Peter Stein. 8, 9 e 10 dicembre Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano sono i protagonisti dello spettacolo Lampedusa, di Anders Lustgarten con la regia di Gian Piero Borgia, importante riflessione sul tema delle migrazioni. Dopo la pausa natalizia si riprende dal 5 al 7 gennaio con Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello con Eros Pagni e la regia di Luca de Fusco. Dal 12 al 14 gennaio Michele Placido firma la regia ed è protagonista, con Anna Bonaiuto, di Piccoli crimini coniugali di Eric-Emmanuel Schmitt, spettacolo sull’altalena del matrimonio fra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti nella vita dei due protagonisti. Dal 9 all’11 febbraio 2018 in programma Quello che non ho con Neri Marcorè con le canzoni di Fabrizio De Andrè e la regia di Giorgio Gallione, affresco teatrale che, utilizzando la forma del teatro canzone, cerca di interrogarsi sulla nostra epoca, in precario equilibrio tra ansia del presente e speranza del futuro. Dal 23 al 25 febbraio 2018 in scena la comicità di Claudio Bisio in Father and Sons, ispirato a due libri di Michele Serra con la regia di Giorgio Gallione, il rapporto padre/figlio radiografato senza pudori e con un linguaggio incontinua oscillazione tra l'ironico e il doloroso, tra il comico e il tragico. Dal 23 al 25 marzo Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice sono i protagonisti di Copenaghen di Michael Frayn con la regia di Mauro Avogadro, testo ormai considerato classico assoluto del teatro contemporaneo. Dal 6 all’8 aprile 2018 arriva al Teatro Curci lo spettacolo Il Sindaco del Rione Sanità di Eduardo De Filippo con Francesco di Leva e Giovanni Ludeno e la regia di Mario Martone. Infine dal 19 al 21 aprile 2018 Nunzia Antonino è la protagonista del fortunato Else con la regia di Carlo Bruni.
Quattro gli appuntamenti con il teatro contemporaneo: il 3 novembre Medea con Sebastiano Somma, regia di Dario D’ambrosi e il coordinamento del coro del barlettano Papaceccio, che vede in scena ragazzi con disabilità e attori professionisti. Il 18 gennaio 2018 Licia Lanera presenta il suo ultimo spettacolo The Black’s Tales Tour, 8 febbraio 2018 i Cantieri Teatrali Koreja portano in scena Frame con la regia di Alessandro Serra e infine il 13 aprile la Compagnia del Sole presenta Love&Money con la regia di Marinella Anaclerio. 

“Con l’Amministrazione comunale di Barletta – ha detto Carmelo Grassi - abbiamo un feeling speciale: abbiamo lavorato molto bene insieme, e hanno lavorato bene i nostri uffici, la nostra struttura. Con il sindaco Cascella abbiamo avuto un rapporto franco e collaborativo su più fronti, non solo per la stagione teatrale.  Abbiamo fatto tanto altro insieme, dall’affidamento della direzione artistica, a Canne della Battaglia, alla Disfida. Tutte sfide, è il caso di dirlo, che hanno avuto un grande risultato. Con noi ha anche lavorato bene la stampa, a cui va il mio ringraziamento,  che ha verificato passo dopo passo il nostro cammino. Un grande stimolo.  Il Teatro Pubblico Pugliese sta intraprendendo un nuovo percorso. Ora ha compiti allargati in ambito culturale. Possiamo anche agire per le arti e la cultura. Siamo solo all'inizio di una strada che porterà la Regione Puglia (nostra socia), che rappresenta i due terzi del Tpp,  ad investire ancora risorse per progetti rivolti a tutto il territorio, per i Comuni soci e non. La sfida è anche personale . Il mio mandato è  in scadenza. Il 9 avremo assemblea dei soci ed io non mi ricandido alla Presidenza del Teatro pubblico Pugliese. Un'esperienza che ritengo conclusa. Abbiamo fatto tanta strada.  Oggi siamo primo circuito in Italia. Ho ricoperto un ruolo importante e operativo che mi e' sempre piaciuto. Non sono uno che sta dietro la scrivania. Non mi fermerò sicuramente, non è nel mio carattere ma è giusto passare la mano. E una struttura, il Tpp, che sento sostanzialmente mia. E' cresciuta con me e non solo per me.  I miei ragazzi  al Tpp hanno confermato sempre una collaborazione  robusta, puntuale, e hanno lavorato in maniera determinante facendoci diventare un riferimento per Comuni e Regione. Siamo il primo circuito perché siamo stati riconosciuti bravi, perche abbiamo fatto cose innovative”.

Quattro gli appuntamenti di Danza in programma, presentati da Gianni De Candia: il 20 gennaio 2018 la compagnia MM Contemporary Dance Company presenta La Sagra della Primavera della con la coreografia di Enrico Morelli e musiche di Igor Stravinskij e Bolero con la coreografia di Michele Merola e musiche di Maurice Ravel e Stefanmo Corrias; il 3 febbraio AterBalletto presenta Golden Days (Rain Dogs + Birdland + Bliss) e infine dal 9 all’11 marzo 2018 in scena il consueto Tersicore 4° Galà Internazionale Tersicore della compagnia Arte&Balletto che 10 e 11 marzo 2018 presenta anche Corpi in Mostra 2018. 
Tre gli appuntamenti domenicali di teatro ragazzi dedicati alle famiglie: 3 dicembre il primo appuntamento è con Charlie e la magia del cioccolato con Franco Oppini e la regia di Luca Pizzurro, il 28 gennaio Nando e Maila presentano il loro divertentissimo Sconcerto d’Amore (le acrobazie musicali di una coppia in disaccordo) e infine il 18 marzo in scena il Magico Zecchino d’Oro, regia di Raffaele Latagliata e coreografie di Elisa Cipriani e Luca Condello.

Anche per questa stagione sono in programma importanti appuntamenti musicali a cura dell’Associazione “Cultura e Musica G. Curci”. A illustrarli, Francesco Monopoli. Il cartellone prevede ben 11 appuntamenti: 29 dicembre il consueto Concerto di Capodanno quest’anno con la Radio Kiev Symphony Orchestra, il 17 gennaio 2018 in scena il musical Saturday Night Fever – la febbre del sabato sera con la regia di Claudio Insegno, in scena nel 40esimo anniversario dall’uscita del celebre film. Il 27 gennaio 2018 in scena un altro importante musical Tutti insieme appassionatamente con la regia e coreografia di Fabrizio Angelini e le musiche di Richard Rodgers. Il 4 febbraio 2018 Paolo Fresu e Omar Sosa presentato dal vivo il disco Eros mentre il 18 febbraio 2018 Emanuele Urso “King of Swing” e la sua Big Band presentato Omaggio a Benny Goodman. Il 4 marzo 2018 Peppe Barra in Il canto dei Tamburi e il 17 marzo in programma 50 anni in buona compagnia della NCCP – Nuova Compagnia di Canto Popolare. E ancora il 5 aprile Noa & Love Medicine Band, il 15 aprile Uomini in Frac omaggio a Domenico Modugno nel 90esimo anniversario dalla sua nascita, progetto di Peppe Servillo e Furio di Castri, il 22 aprile Notte Zigana di Antal Szalai e l’Orchestra Tzigana di Budapest e infine il 6 maggio Premio Mauro Paolo Monopoli, concerto sinfonico dei finalisti del 21°concorso pianistico Internazionale. 

L’associazione “Amici della Musica Mauro Giuliani” propone invece per il Barletta Piano Festival, presentati da Francesco Caporale, due appuntamenti: il 12 novembre alle 18.45 Duettango, con Cesare Chiacchiaretta (bandoneon) - Filippo Arlia (pianoforte)in collaborazione con il Lions Club International; il 20 dicembre alle 21.15: Walter Ricci trio, con Walter Ricci (piano/voice) - Daniele Sorrentino (doublebass) - Lorenzo Tucci (drums) in collaborazione con AIGA (Associazione Italian Giovani Avvocati) e Ordine degli avvocati di Trani.

Successo in Cattedrale a Barletta per Il Coro del Faro di Paolo Lepore

Uno splendido scenario per una splendida serata.
Strappa applausi e consensi Il Coro del Faro in Cattedrale a Barletta. Diretto dal Maestro Paolo Lepore, suscita emozioni e apprezzamenti. Pubblico ammaliato e catturato dal concerto “Voci per la vita”. 
Un programma variegato che ha coniugato la bellezza della musica, della fede, della cultura con un immenso patrimonio artistico. In repertorio brani di ogni genere intramontabili e indimenticabili.

Cattedrale gremita per ammirare la bravura del Coro. Perfetta l’esibizione dei solisti Stefania Di Pierro, Lorella Falcone, Marco Di Nunno e del collaudato Jazz Studio Quintet: Gino Palmisano al pianoforte, Alex Milella alla chitarra, Francesco Cinquepalmi al basso, Maurizio Vurchio alla batteria, Michele Carrabba al sax.

L’evento organizzato dal Circolo Culturale Futura presieduto da Antonio Luzzi in collaborazione con club, associazioni e sponsor privati del territorio è stato patrocinato dalle Amministrazioni Comunali di Barletta e Andria, dalla Regione Puglia e Provincia BAT e presentato dalla giornalista Floriana Tolve.

Il Coro del Faro (composto da 160 elementi) nato nel 2013 da un’idea del Maestro Paolo Lepore  ha partecipato a tantissime manifestazioni culturali e sociali al Teatro Petruzzelli di Bari, al Teatro Verdi di Brindisi, al Politeama di Lecce, alla Cattedrale di Trani. Numerosi anche i concerti di solidarietà dedicati alle popolazioni di Norcia e Arquata del Tronto colpite dal sisma del 2016 tenutisi a Bari, Conversano, Terlizzi e Ascoli Piceno. 

Tre le tematiche dei brani eseguiti in Cattedrale a Barletta: i grandi compositori, la pace e i musical. 
Tutte straordinarie ed emozionanti le esecuzioni del Coro: da The Wall (Pink Floyd) ad  Halleluja  (Cohen), da We are the Champions (Mercury) a Here’s to you (Morricone); nello spaccato dedicato alla pace (Imagine, Preghiera delle Madri, Shalom, Exodus) Lepore ha ricordato con affetto l’incessante attività del pianista barlettano Francesco Lotoroimpegnato nella raccolta della musica concentrazionaria e nella realizzazione della cittadella nell’area della ex distilleria. Successo anche per i brani degli inossidabili Musical: West Side Story, Jesus Christe Superstar, Don’t cry for me Argentina, Aquarius-Let the Sunshine (Hair).

”Un evento straordinario, ricco di emozioni” ha affermato Monsignor Angelo Dipasquale Arciprete della Cattedrale.

Soddisfatti all’unisono  il Presidente del Circolo Culturale Futura Antonio Luzzi e il Maestro Paolo Lepore  estasiato dalla bellezza della Cattedrale di Barletta che  ha visitato prima del concerto insieme ai componenti del Coro del Faro. 

programma Disfida di Barletta 2017

programma Disfida di Barletta 2017
programma Disfida di Barletta 2017

 

 

Nel 514° anniversario della Disfida di Barletta, la nostra città si prepara a rivivere le gesta bellicose che videro il trionfo dei tredici cavalieri italiani sui tredici cavalieri francesi nel 1503. Barletta sarà luogo di rievocazione degli eventi sia editi dalla penna di Massimo D’Azeglio, il quale romanzò l’episodio storico, sia documentati dalle fonti storiche.

Appuntamenti istituzionali tra cui l’offesa, bando di sfida e il corteo storico trionfale si svolgeranno nelle giornate rispettivamente dell' 8 – 9- 10 settembre. Un cast artistico d’eccezione vedrà portare in carne ed ossa i personaggi dell’evento storico; tra questi annoveriamo l’attoreSebastiano Somma nei panni dell’eroe medievaleEttore Fieramosca.

Non mancheranno spettacoli teatrali e musicali ed eventi pirotecnici grazie al contributo degli esercenti ed associazioni locali che regaleranno ai visitatori le tipiche atmosfere del 1500 con concerti, menù di degustazioni ispirati all’epoca, mostre e visite guidate ai luoghi di interesse storico.

È don Gonzalo de Cordoba il soggetto scelto per rappresentare l’edizione 2017 della Disfida di Barletta: il comandante cavalca un maestoso destriero con fare concentrato e deciso, come se fosse pronto a sfidare tutti gli ostacoli sul suo cammino i quali lo porteranno alla carica di Viceré del Regno di Spagna e Napoli che si stende ai suoi piedi.

Un ringraziamento particolare va agli imprenditori del territorio che hanno sposato questa manifestazione culturale: Reale Mutua – Agenzia del Nord BareseAuto MurgiaSafety & Health – Sicur.A.L.A e Supermercati Sigma .

L’organizzazione della manifestazione è a cura della Cooperativa Sette Rue.

Per approfondire gli eventi in programma, di seguito riportiamo l’agenda degli appuntamenti:

  • Dal 1° al 10 settembre

“LA DISFIDA IN VETRINA” a cura delle Associazioni dei commercianti

Libri, cimeli e abiti in vetrina

  • Dal 1° al 10 settembre

“MENÙ RINASCIMENTALI” a cura dei ristoratori aderenti

  • 3 settembre , dalle ore 17.30/22.30

“LA SFIDA DEL DOLCE” nei giardini del Castello-Rivellino

  • Dal 1° al 10 settembre ore 10.00/22.00 (orario continuato)

“LA SPADA DI ETTORE FIERAMOSCA” presso la Cantina della Sfida

Contributo del Comune di Capua ed esposizione a cura di DiDa Art

  • 05-06-07-08-09 settembre, ore 18.00

“VISITE GUIDATE AI LUOGHI STORICI DELLA DISFIDA – Cantina della Sfida, Tempietto della Sfida, Via Duomo, Cattedrale e il Castello”

Le visite guidate partiranno dall’Info Point Turistico dove la prima guida accoglierà i visitatori.

A cura delle Associazioni: ArcheoBarletta
AUFIDUS Associazione d’informazione turistica
Centro Turistico Giovanile – gruppo “Leontine”
DiDa – Progetti, studi e servizi per i beni culturali
GT Conf Bat

  • 07 settembre, ore 20.00

Concerto “RIFLESSI SACRI” presso Cattedrale di Santa Maria Maggiore, a cura del Coro Polifonico “Il Gabbiano”

Solista: Matilde Mastrìa
Pianista: Daniela Mastrandrea
Direttore: Gianluigi Gorgoglione

  • 08-09-10 settembre

Mostra “LA DISFIDA EMOZIONI FOTOGRAFICHE” presso Galleria Foto Rudy in C.so Vittorio Emanuele n. 7

  • 08 settembre, ore 20.00 con replica ore 21.00

“L’OFFESA” presso Porta Marina, adattamento teatrale a cura dell’Associazione “Bardulos”

  • 9 settembre Ore 19.30

“BANDO DI SFIDA” presso Giardini del Castello, Araldo a cavallo a cura dell’Associazione “Cavalieri del Mito”

Percorso: Viale Carlo v D’Asburgo, C.so Cavour, C.so Garibaldi, Via Baccarini, P.zza A. Moro, Via C.da Cordova, C.so V. Emanuele, Via Nazareth, Via Cialdini, Via Duomo, Castello.

  • 9 settembre, ore 20.30

Concerto “SFIDA IN MUSICA” presso Porta Marina, con Orchestra della Magna Grecia Diretta dal M° Maurizio Lomartire a cura della Regione Puglia, in collaborazione con TPP – Teatro Pubblico Pugliese

  • 10 settembre

ore 19.30, Corteo per “INVESTITURA e GIURAMENTO”dei 13 Cavalieri Italiani, presso Porta Marina

Percorso: Castello, P.zza Castello, Via Mura S. Cataldo, P.zza Marina

Dopo Investitura e Giuramento, percorso: P.zza Marina, via Mura San Cataldo, Retro Cattedrale, passaggio sotto il campanile, ingresso Cattedrale.

ore 20.15, TE DEUM – i 13 Cavalieri italiani ringraziano la Madonna dell’Assunta, presso Cattedrale di S. Maria Maggiore, a cura del Coro Polifonico “Il Gabbiano”

ore 20.45, CORTEO STORICO TRIONFALE il Corteo si compone sul retro Cattedrale

Percorso: P.zza Castello, Viale Carlo V D’Asburgo, C.so Cavour, C.so Garibaldi, Via Baccarini, P.zza A. Moro, Via Roma, Via A. Nanula, P.zza Principe Umberto, C.so V. Emanuele, Via Nazareth, Via Cialdini, Via Duomo, P.zza Castello, Giardini del Castello.

ore 22.45 circa, al rientro del corteo, reading di Sebastiano Somma, dal romanzo “Ettore Fieramosca” di M. D’azegliopresso gli spalti del Castello

A fine lettura seguirà uno spettacolo pirotecnico “Tra luci, fuoco e suoni” a cura di Pirofantasy

fonte http://www.barlettalive.it/news/cultura/517137/disfida-di-barletta-2017-ecco-il-programma

Forum “Salute Ambiente” al Sindaco Cascella: “Dovremmo fidarci di Lei?”

Pubblichiamo un intervento a mezzo stampa e a firma di Sandra Parente, del “Forum Salute Ambiente Barletta”

Caro Sindaco, se lunedì 25 settembre abbiamo inscenato una protesta in occasione della presentazione dei risultati della seconda fase del monitoraggio è perché sappiamo bene che il tempo gioca a favore delle aziende insalubri, le quali continuano indisturbate ad inquinare.

L’esposizione dello striscione con su scritto “È troppo tardi per monitorare, è tempo di bonificare” da parte del Forum Salute Ambiente è stata chiaramente una provocazione per mettere in risalto il fatto che ci sono voluti 4 mesi per presentare i risultati della seconda fase del monitoraggio e che dopo quasi due anni dalla firma del protocollo da parte di Regione, Provincia, Comune, Arpa e CNR non sono stati individuati i responsabili del disastro ambientale che incombe sulla nostra città.

Durante la presentazione nella sala rossa del Castello dei dati emersi, sia lei che gli altri rappresentanti delle istituzioni avete volutamente sorvolato sul fatto che, nella relazione che accompagna il monitoraggio, i responsabili delle emissioni di alcuni agenti inquinanti presenti sono già stati individuati.

Ci riferiamo ai nitrati, ai solfiti e alla presenza del cromo esavalente; per questi agenti inquinanti la relazione punta il dito contro la Timac e la Cementeria.

Infatti, non bisogna essere degli scienziati per comprendere che il cromo esavalente viene prodotto dai cementifici; anche un ragazzino di scuola media potrebbe venire a conoscenza di questo elemento; non a caso digitando la parola “cromo esavalente” su google, vengono fuori link che affermano quanto già scritto.

Ma voi da questo punto di vista continuate a far finta di nulla, anzi arrivate ad affermare che ci vorranno altri 2 anni per individuare i responsabili, dimenticando un passaggio fondamentale, cioè che le aziende insalubri l’anno prossimo inizieranno il loro iter per il rinnovo delle autorizzazioni.

Sembra quasi che si voglia continuare a prendere tempo per ritrovarci tra pochi mesi con i giochi  già chiusi, con le aziende che avranno oramai fatto i loro investimenti e avranno ottenuto il rinnovo delle autorizzazioni con il bene placet degli amministratori.

A quel punto i risultati finali del protocollo sul monitoraggio sembreranno un ulteriore schiaffo in faccia ai barlettani, che hanno pagato e continuano a pagare un prezzo altissimo fra discariche, trattamento rifiuti e inquinamento industriale.

Lei, signor Sindaco, nel suo intervento afferma che la protesta diventa sterile, strumentale e demagogica se non si accompagna con la proposta.

Ha perso secondo noi una grande occasione per rimanere in silenzio, visto che come Forum Salute Ambiente abbiamo promosso due delibere di iniziativa popolare (con 1200 firme raccolte) sulla strategia Rifiuti Zero e sul monitoraggio ambientale delle aziende insalubri.

Le vogliamo ricordare che lo scorso marzo il Consiglio Comunale ha stanziato 100.000 euro per far partire il nostro monitoraggio, ma ad oggi non si è visto assolutamente nulla; evidentemente lei percepisce le decisioni del Consiglio Comunale con fastidio e sufficienza, sminuendo la centralità delle sue decisioni nella vita politica cittadina.

Con la strategia rifiuti zero chiusa in un cassetto e l’impossibilità di introdurre al posto della TARI la tariffa puntuale per far risparmiare i cittadini che fanno la differenziata.

Dalle sue parole si evince che tutti noi dovremmo dormire sonni tranquilli e fidarci di quello che le istituzioni stanno mettendo in campo per tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini.

Ma di chi dovremmo fidarci, di Lei che non spende i 100.000 euro stanziati dal Consiglio Comunale? Del direttore dell’Arpa, Puglia l’ingegner Bruno, che da dirigente della Provincia Bat ha rilasciato alla Buzzi Unicem la VIA (Valutazione Impatto Ambientale) per bruciare 65.000 tonnellate di rifiuti all’anno? Oppure del neo Assessore all’ambiente della Regione Puglia Caracciolo, che fino a due anni fa negava l’esistenza di un’emergenza ambientale a Barletta, brillando per assenza in Consiglio Comunale quando si è discusso di temi ambientali e che oggi  ritroviamo alla testa di “manifestazioni ambientaliste”.

Al Forum Salute Ambiente non interessano le passerelle pre-elettorali, né le contrapposizioni sterili e fini a sé stesse. Se protestiamo lo facciamo perché crediamo ancora, nonostante tutto, nel conflitto e nella partecipazione democratica. Caro Sindaco, alla fine del suo mandato lei tornerà a Roma, ma i responsabili materiali e istituzionali dell’inquinamento saranno ancora qui, e dovranno rendere conto prima o poi delle loro scelte scellerate.”

Seguici su

B&B a Barletta

b&b Barletta

b&b Barletta

 

 

B&B a Barletta    B&B a Barletta    B&B a Barletta